Diavolo sciupone, ma Bacio Terracino impatta in pieno recupero!

squadra 3

Sul neutro del “Mecchia” di Portogruaro, espugnato dai biancorossi nelle due precedenti apparizioni di campionato, via alla stagione 2017/18 del Diavolo di Asta, opposto alla matricola Mestre.
Osservato un minuto di raccoglimento per le vittime del terremoto di Ischia.

Queste le formazioni ufficiali:
A.C. MESTRE (3-5-2): Favaro, Politti (84′ Boffelli), Gritti, Perna (K); Kirwan, Rubbo, Boscolo, Beccaro (69′ Casarotto), Fabbri; Spagnoli (59′ Sottovia), Neto Pereira (84′ Sodinha).
A disp.: Zironelli, Scocco, Zanetti, Stefanelli, Bonaldi, Bussi, Pozzebon, Zecchin.
All.: Zironelli.

TERAMO CALCIO (4-3-3): Calore, Ventola, Caidi, Speranza (K), Pietrantonio; Varas (84′ Graziano), De Grazia, Ilari (74′ Paolucci); Fratangelo (46′ Bacio T.), Foggia (84′ Faggioli), Tulli.
A disp.: Lewandowski, Altobelli, Amadio, Milillo, Sales, Diallo.

Arbitro: Paolo Bitoni di Bologna.
Assistenti: Biasini e Bianchini di Cesena.

Ammoniti: Varas (T), Spagnoli (M), Speranza (T), Bacio Terracino (T), Perna (M).
Marcatori: 27′ Neto Pereira (M), 94′ Bacio Terracino (T).
Spettatori: 400 circa (30 da Teramo).
Note: pomeriggio afoso. Recupero: 0′pt, 4′st.

Nella prima frazione, veneti immeritatamente in vantaggio grazie ad un colpo di testa chirurgico di Neto Pereira. Nel mezzo cinque chance importanti per il Diavolo, tre di queste con altrettante conclusioni da fuori area di De Grazia, Varas e Ilari, una clamorosa con Foggia che si fa ipnotizzare da Favaro e calcia a lato a tu per tu con il portiere arancionero, un’altra di pregevole fattura ma non finalizzata a dovere con un tiro a giro di Fratangelo di poco largo. Nella ripresa primi venti minuti caratterizzati da un nuovo assedio biancorosso con altre occasioni non concretizzate, poi arriva il palo di Sottovia e i biancorossi, lentamente, esauriscono le energie, ma trovano al quarto di recupero la rete del meritatissimo pareggio con una splendida conclusione di Bacio Terracino che si infila all’angolino.