Cinque biancorossi in diffida, multa al club

In relazione al match disputato con la Vis Pesaro, il Giudice sportivo di Serie C ha sanzionato la società biancorossa con un’ammenda di € 1.500,00 «perché propri sostenitori introducevano e accendevano nel proprio settore dei fumogeni, uno dei quali veniva lanciato sul terreno di gioco, senza conseguenze».
Entra in diffida anche Ventola (nona infrazione), che raggiunge 
FiordalisoInfantinoPiacentini e Zecca.
Sesta ammonizione stagionale per De Grazia e Spighi.
Squalificato, invece, per una gara effettiva, l’allenatore in seconda De Amicis «
per comportamento non regolamentare in campo», mentre il team manager Montani è stato diffidato «per comportamento scorretto verso un tesserato della squadra avversaria».

Il Presidente Campitelli: «Vittoria che vale doppio, in C l’Abruzzo siamo noi»

In sala stampa, al termine del prezioso successo ottenuto sulla Vis, è intervenuto anche il Presidente Luciano Campitelli: «Si è visto che non siamo inferiori alla Vis Pesaro, il nostro portiere non ha effettuato parate. La vittoria l’abbiamo meritata, 42 punti sono tanti, specie confrontandoli con gli altri gironi. Oggi sono venuti fuori risultati molto diversi da quanto pensavamo, quindi la vittoria odierna vale doppio e possiamo credere anche a qualcosa di più bello visto che sinora abbiamo sofferto tantissimo. Nel calcio i successi portano entusiasmo e serenità, i risultati ti aiutano a star meglio. Oggi la Serie C, in Abruzzo, siamo solo noi, dobbiamo rimarcarlo con forza e grande orgoglio, anche se tanti, molte volte, non lo capiscono. Ognuno è importante nel proprio ruolo, i presidenti e le società passano, rimane solo il nome di Teramo. Il mister Maurizi ci ha salvato, anche per il merito di aver scelto i calciatori giusti per traguardare l’obiettivo stagionale, ma tutti nel club hanno dato il massimo, così come i giocatori nei singoli allenamenti».

Sala stampa. Maurizi: «Match complesso, gruppo granitico, tifoseria super»

Dopo il successo di capitale importanza conquistato al “Bonolis” nello scontro diretto contro la Vis Pesaro, questo il pensiero del tecnico biancorosso Maurizi: «Sapevo che non ci sarebbe stata la matematica, le motivazioni alla fine sono fondamentali. Il nostro match odierno è stato difficile e complesso, siamo stati bravi a reagire dopo lo svantaggio. In questa settimana grazie alla società, al team manager e a Volponi siamo riusciti a costruire un giusto ritiro pre-gara, perchè ogni dettaglio è importante. Il pubblico ci ha dato una grande mano, anche sotto di un gol: era dalla sconfitta di Terni che non andavo sotto la Curva e in settimana mi avevano chiesto di tornarci, era giusto elogiarla per il sostegno incondizionato offerto. Sapevamo di non poter perdere, era il mio primo pensiero: non abbiamo guardato i risultati degli altri, per fortuna aggiungo. Siamo rientrati dopo l’intervallo con la volontà di vincere la partita ad ogni costo. Ora è giusto assegnare due giorni di riposo dopo una settimana dura, lavorativamente parlando, e la più brutta trasferta dell’anno a Pordenone. Poi a Trieste andremo a giocarci la partita a viso aperto. Quello che si è visto in campo alla fine penso sia l’emblema di questo gruppo».

Rimonta d’autore contro la Vis (2-1) e tre passi verso la permanenza

Penultimo impegno interno stagionale per il Diavolo che deve riscattare lo scivolone di Pordenone e rispondere ai risultati provenienti dagli altri campi per avvicinare la salvezza.
Cinque assenze (Gomis, Speranza, Mantini, Persia e Piacentini) per mister Maurizi che rilancia De Grazia, con l’addizione delle punte Infantino e Sparacello; Vis a trazione anteriore, con Colucci che schiera contemporaneamente il tandem offensivo Guidone – Olcese, con Buonocunto alle spalle.

TERAMO CALCIO (3-5-2): 1 Pacini, 25 Polak, 23 Caidi (K), 2 Fiordaliso; 27 Ventola, 20 Spighi (88′ Spinozzi), 8 Proietti, 10 De Grazia (72′ Armeno), 30 Celli; 32 Sparacello (76′ Zecca), 7 Infantino.
A disp.: 22 Lewandowski, 31 D’Aniello, 3 Celentano, 4 Spinozzi, 13 Pezone, 15 Bregasi, 17 Cappa, 19 Barbuti, 21 Altobelli, 28 Ragozzo.
All.: Maurizi.

VIS PESARO (3-5-2): 1 Tomei, 15 Pastor, 17 Briganti (VK), 21 Gennari; 7 Petrucci, 28 Tessiore (75′ Lazzari), 6 Paoli (K), 20 Buonocunto (75′ Voltan), 29 Rizzato (67′ Testoni); 25 Olcese, 27 Guidone.
A disp.: 22 Bianchini, 2 Rossoni, 5 Rocchi, 11 Gaiola, 16 Romei, 19 Medved, 23 Gabbani, 26 Sabattini, 30 Hadziosmanovic.
All.: Colucci.

Arbitro: Moriconi di Roma 2.
Assistenti: Pellino di Frattamaggiore (NA) e D’Apice di Castellammare di Stabia (NA).

Reti: 53′ Petrucci rig. (V), 56′ Infantino (T), 71′ Ventola (T).
Ammoniti: Rizzato (V), Ventola (T), De Grazia (T), Spighi (T).
Espulsi: -
Note: Spettatori 1.355 (di cui 81 nel Settore Ospiti). Recupero: 1′pt, 5′st.

La Est ricorda Teschione, indimenticata figura della Curva biancorossa.

7′: bella serpentina di Ventola, che penetra in area, ma non incrocia abbastanza per impensierire Tomei.

15′: punizione radente di De Grazia indirizzata sul palo lungo, la palla passa tra una selva di gambe ma non trova nessuno pronto a ribadirla in gol.

Dura trovare spazi contro la miglior difesa del campionato.

Zoppica Spighi, si riscalda Spinozzi.

39′: piazzato alto di Petrucci da buona posizione.

43′: ammonito Rizzato per gioco falloso. E’ il primo “giallo” del match.

44′: ammonito Ventola per gioco falloso. Non era tra i diffidati.

Un minuto di recupero.

INTERVALLO: poche emozioni al termine della prima frazione, buon avvio del Diavolo con le occasioni di Ventola e De Grazia, prima di un sostanziale equilibrio in campo.

Si riparte con gli stessi ventidue in campo.

GOL VIS PESARO 53′: calcio di rigore per la Vis Pesaro. Ammonito De Grazia per il fallo commesso. Dagli undici metri Pacini sfiora con il corpo la conclusione di Petrucci che, però, s’infila in rete. 0-1

GOL TERAMO! 56′: colpo di testa chirurgico di Infantino sul quale nulla può Tomei. Meritato pari e nono centro stagionale per Saveriano.

63′: il Diavolo si divora il vantaggio. Sparacello va via sulla destra, intelligente cross all’indietro, ma Infantino all’altezza del dischetto sfiora il palo lontano senza inquadrare lo specchio.

67′: Testoni in luogo di Rizzato è il primo cambio dell’incontro.

GOL TERAMO! 71′: rete capolavoro di Ventola! Conclusione dai venti metri che s’infila sotto il sette per l’esultanza del “Bonolis”! 2-1

72′: fuori De Grazia, dentro Armeno.

75′: fuori Buonocunto e Tessiore, dentro Lazzari e Voltan nel Pesaro.

76′: fuori Sparacello, dentro Zecca.

77′: ammonito Spighi per gioco falloso.

82′: allontanato il team manager Montani dopo un diverbio con Petrucci sul quale, tuttavia, il direttore di gara non prende provvedimenti.

Cinque più recupero al termine, battaglia al “Bonolis”.

Crampi per Spighi, pronto Spinozzi.

88′: Spinozzi sostituisce un claudicante Spighi.

Cinque minuti di recupero.

FINALE! Tutto in 18 minuti al “Bonolis”, con il Diavolo che soffre, rimonta il rigore di Petrucci ed esulta grazie alle splendide firme di Infantino e Ventola. Successo di capitale importanza per la squadra di Maurizi che si avvicina sensibilmente alla salvezza, toccando quota 42 in graduatoria. Domenica si viaggia verso Trieste (ore 18:30), per la più lunga trasferta dell’anno.