Comunicato stampa

In riferimento alle dichiarazioni rilasciate a margine dell’incontro casalingo con il Bassano, il Presidente Luciano Campitelli, nel profondo rispetto che da sempre nutre verso la sua tifoseria, intende scusarsi apertamente con il pubblico e con la città per le proprie esternazioni, unicamente dettate dalla profonda amarezza e dalla poca lucidità del momento per una sconfitta difficile da digerire.
In una fase sportivamente delicata sotto il profilo dei risultati, si rendono necessarie, da parte di tutte le componenti, compattezza e piena unità d’intenti, riunire le varie anime in un corpo unico, esclusivamente finalizzato al mantenimento della categoria, per poter continuare ad essere la seconda realtà del panorama calcistico abruzzese.
Un patrimonio, questo, che appartiene unicamente alla città di Teramo, e che va custodito gelosamente con quell’attaccamento ai colori biancorossi che da sempre la contraddistingue.

Il Ds Federico si presenta: «Questa citta’ deve tornare ad entusiasmarsi»

«È come essere a casa: arrivo con grande entusiasmo, la mia volontà è sempre stata quella di lavorare insieme a questa proprietà, che ringrazio per la scelta».
Si è presentato così Sandro Federico, il nuovo Direttore sportivo biancorosso, nella conferenza stampa svoltasi nel pomeriggio presso lo stadio “Bonolis”.
Federico, che si è legato alla società di via Irelli fino a giugno 2020, ha vissuto in passato esperienze dirigenziali importanti con la Valle del Giovenco, vincendo un campionato di Serie D, con il Siena in Serie A dal 2007 al 2010 nelle vesti di responsabile del settore giovanile, e quindi con Carrarese, Chieti, Arezzo e, nella scorsa stagione, nella Sambenedettese in Lega Pro.
Il Presidente Campitelli ha motivato così la scelta effettuata: «Desidero in primis ringraziare pubblicamente Repetto per quanto fatto sinora. Occorreva riprogrammare con un profilo diverso, che potesse essere maggiormente funzionale all’interno del progetto, una sorta di figura paterna vicina ai nostri ragazzi e competente nell’individuazione dei profili giusti per la nostra dimensione. L’arrivo di Sandro si sarebbe potuto concretizzare qualche mese fa, ma i nostri rapporti sono sempre rimasti buoni e sono lieto di potergli dare il benvenuto».
«Spero di trasmettere la mia voglia ai ragazzi ed alla tifoseria – il pensiero del Ds Federicoperchè la sensazione che ho maturato è che questa città abbia bisogno di tornare ad entusiasmarsi e vincere dopo qualche annata delicata. L’arrivo di Palladini non può che facilitare il mio compito, perché conosco perfettamente la sua idea tattica. Anche per questo motivo mi sembra di partire con un vantaggio enorme rispetto ad esperienze pregresse. Quello che posso promettere sin da ora, è che si farà tutto il possibile per far risalire posizioni al club e sono convinto di riuscirci. Personalmente ho una grande considerazione di questo gruppo, è una rosa che va solo rivisitata nei particolari e, con qualche piccolo accorgimento, possiamo fare bene. Questa squadra deve compiere un salto di qualità nella mentalità e pensare sempre di ottenere il massimo. Panico e Gondo? Abbiamo praticamente definito i loro ingressi: arriveranno in serata o al massimo domattina. Partenze? Stiamo valutando anche in base agli innesti che faremo».

Presentato il nuovo allenatore Palladini: «Teramo opportunita’ importante»

Presentato nel pomeriggio a stampa e tifosi il nuovo responsabile tecnico della prima squadra, Ottavio Palladini, che si è legato alla società biancorossa fino al 30 giugno 2019.
Classe 1971, da calciatore può vantare oltre 580 presenze tra i “Pro”; da allenatore, invece, ha guidato sempre la Sambenedettese, vincendo un campionato di Eccellenza (2009/10) e due campionati di Serie D (2012/13 e 2015/16), mentre nella stagione passata aveva rassegnato le dimissioni dal club marchigiano quando era sesto in classifica in Lega Pro.


voltattorni - palladini«
Ho dormito poco in questi giorni e lavorato tanto – le dichiarazioni del Presidente Luciano CampitelliDesidero ringraziare mister Asta e il suo vice Zichella per il lavoro sin qui svolto. Speriamo di ripartire di slancio sin da sabato prossimo perché abbiamo bisogno di punti e soddisfazioni. Ho scelto Palladini di testa mia, perché ci ha seguiti in diverse occasioni e conosce bene questo gruppo. Il mio desiderio, peraltro, era di portarlo qui già la scorsa estate. Un cambiamento era doveroso operarlo perché non ritengo questa rosa da terzultimo posto: nella vita bisogna sempre infondere positività. Quando s’interrompe un percorso, la responsabilità è, chiaramente, anche della società, ma bisogna parimenti avere la forza di andare avanti nel modo migliore, con l’auspicio di poter ricreare un progetto di valore».

Si presenta così il nuovo allenatore biancorosso Ottavio Palladini: «Posso solo ringraziare la proprietà per avermi concesso una grande opportunità. Ho visto la squadra in tre occasioni e ritengo ci siano pochi accorgimenti da fare: le qualità ci sono e bisogna tirarle fuori, ritrovando entusiasmo e voglia di fare, lavorando in funzione degli obiettivi prefissati. Da parte mia garantisco massima disponibilità, umiltà e abnegazione nel lavoro e mi auguro di rimanere il più a lungo possibile. Nel calcio un aspetto fondamentale è la testa e l’obiettivo è quello di dar serenità ai miei ragazzi: devono avere la gioia di giocare a calcio perchè è un arte, non un lavoro».

Confermati il preparatore atletico Perazzolo e il preparatore dei portieri Petrocco, mentre lo staff tecnico si completa con la figura del nuovo vice-allenatore Luigi Voltattorni, classe 1964, dall’annata 2010/11 al fianco di Palladini.

 

Sollevato lo staff tecnico, nel pomeriggio la conferenza del Presidente

S.s. Teramo Calcio rende noto di aver sollevato dai rispettivi incarichi, il responsabile tecnico della prima squadra Antonino Asta ed il suo vice Giovanni Zichella.
La società, nel ringraziarli per l’impegno, la dedizione e la professionalità mostrate in questi mesi di lavoro, augura loro le migliori fortune umane e professionali.
Si comunica, nel contempo, che quest’oggi, alle ore 15, presso la sala stampa dello stadio “Bonolis”, si terrà una conferenza stampa presieduta dal Presidente Luciano Campitelli.

Una cena-evento natalizia tra auguri di rito e gradite sorprese

Si è tenuta in un clima moderatamente festoso ed all’insegna della semplicità, la tradizionale cena/evento pre-natalizia della S.s. Teramo Calcio, organizzata per l’occasione nello splendido scenario del Ristorante “Cavallino Rosso” a Castellalto (TE).
squadraLa serata ideale per il giusto atto di ringraziamento e gli auguri di rito verso partner commerciali, organi d’informazione e tifoseria, per l’occasione rappresentata dal Club Biancorosso.
Con il sottofondo delle immagini in scorrimento relative alle marcature dell’anno in corso, durante la conviviale non sono mancate anche due gradite sorprese: i saluti di Javier Zanetti, Bandiera neroazzurra ed attuale Vice-Presidente del F.c. Internazionale, e quelli dell’indimenticato bomber Gianluca Lapadula, in questa stagione in forza al Genoa Cfc.

Incontro in Curia per lo staff dirigenziale e tecnico biancorosso

«Per raggiungere ogni tipo di traguardo, occorre saper fare squadra, sacrificare il proprio ego per il bene comune, costruire relazioni forti basate su lealtà ed onestà, aiutando il prossimo in difficoltà».
Il Vescovo della Diocesi di Teramo – Atri, Mons. Michele Seccia, ha incontrato in mattinata presso la “Sala Riunioni” della Curia Vescovile, lo staff dirigenziale e tecnico della Teramo Calcio, a pochi giorni dall’esordio casalingo di campionato.
foto grandeUn appuntamento fortemente voluto dalla società biancorossa, che ha inteso ringraziare il Vescovo per la cordiale ospitalità ricevuta, nella convinzione, come ribadito dal Presidente Campitelli, che «la squadra possa recepire con serenità il messaggio donato in vista degli obiettivi prefissati».

Presentato il Dg Capaldi: «Sono per il fare, ripaghero’ la fiducia del club»

Presentato nel pomeriggio allo stadio “Bonolis” il nuovo Direttore Generale biancorosso Emilio Capaldi.
L’ex dirigente di Celano e Francavilla ha sottoscritto un accordo di durata biennale.
Questa l’introduzione del Presidente Luciano Campitelli: «Vorrei inizialmente ringraziare Gianluca Scacchioli per le quattro stagioni passate insieme. La società aveva bisogno di rinnovarsi, di tracciare una nuova via per disegnare il miglior futuro possibile. La nostra scelta si è orientata su un uomo di esperienza, attento ad ogni minimo particolare».
Di seguito le prime parole di Emilio Capaldi da DG del Diavolo: «Ringrazio il Presidente per la fiducia e il Ds Repetto per avermi suggerito. Sono orgoglioso ed onorato della chiamata. Non sono un impiegato, sono abituato a lavorare a 360 gradi. Sono per “il fare”, Teramo è una piazza importante, dove ho legami famigliari e tanti amici. Mi sono già ambientato, qui ho trovato una buona organizzazione di base e tutti si sono messi immediatamente a disposizione. Provengo da trentaquattro anni di esperienza, anche come consulente per club di grande levatura. Il mio obiettivo è di raddoppiare gli sforzi personali per ripagare la società che ha creduto in me, cercando di fare squadra, con la massima unità d’intenti. Vogliamo crescere e metterò a disposizione il mio bagaglio esperienziale per il bene della Teramo Calcio. Il primo obiettivo è l’immediato ringiovanimento della rosa, con calciatori di prospettiva e disposti a sacrificarsi per la maglia».