Le decisioni del Giudice sportivo

In merito alla gara playout di andata tra Lumezzane e Teramo, disputata domenica scorsa al “Saleri”, il Giudice sportivo di Lega Pro non ha inflitto ammende ai rispettivi club.
In vista del match di ritorno, non si ravvisano squalifiche, ma si registrano le ammonizioni dei biancorossi Ilari e Sales e dei rossoblu Quinto e Sorbo.

REGOLAMENTO PLAYOUT
Si ricorda che, a conclusione delle due gare (andata e ritorno), in caso di parità di punteggio, dopo la partita di ritorno, per determinare la squadra vincente si terrà conto della differenza reti; in caso di ulteriore parità verrà considerata vincitrice la squadra che ha concluso la stagione regolare nella migliore posizione di classifica, senza effettuare tempi supplementari nè calci di rigore.

Nessun provvedimento dal Giudice sportivo

Dopo l’ultima gara di campionato, disputata in casa della Feralpisalò, il Giudice sportivo di Lega Pro non ha emesso provvedimenti nei confronti del sodalizio di via Irelli.
Ricordiamo che, in vista del playout con il Lumezzane, tutte le diffide (Amadio, Ilari e Sales) si azzerano e, pertanto, non risultano calciatori squalificati.
Per quanto concerne le sanzioni economiche nei tre gironi di Lega Pro, la Teramo Calcio chiude con € 15.500,00 di ammende, in una graduatoria guidata dal Lecce (€ 31.500,00).

Ammenda al club dal Giudice sportivo

Il Giudice sportivo di Lega Pro, in relazione all’ultimo incontro di campionato Teramo – Parma, ha sanzionato la società biancorossa con un’ammenda di € 500,00 «perché propri sostenitori durante la gara lanciavano nel recinto di gioco alcuni pezzi di plastica di seggiolini divelti dalle tribune».
Settima ammonizione stagionale per Caidi, prima per Di Paolantonio, mentre non si registrano squalificati in vista della partita Feralpisalò – Teramo.
Rimangono in diffida Amadio, Ilari e Sales.

Il giudice sportivo “stoppa” un calciatore ducale

In seguito al match disputato all’”Helvia Recina“, il Giudice sportivo di Lega Pro non ha applicato ammende nei confronti dei rispettivi club.
In vista del prossimo incontro con il Parma, non si registrano squalifiche in casa biancorossa, mentre salterà la sfida del “Bonolis” per recidività in ammonizione il centrocampista Giorgino.
Terza ammonizione stagionale per Karkalis, mentre rimangono in diffida Amadio, Ilari e Sales.

Le decisioni del Giudice sportivo

Dopo la partita di campionato Teramo – Reggiana, il Giudice sportivo di Lega Pro non ha assunto provvedimenti nei confronti dei rispettivi club.
Con la nona ammonizione stagionale subita, entra in diffida il centrocampista Ilari, al pari di Amadio.
In vista della prossima sfida con il Forlì, sono stati addebitati € 1.000,00 alla società forlivese «per indebita presenza nell’area antistante gli spogliatoi di persone non identificate, ma riconducibili alla società».
Squalificati per una gara effettiva per recidività in ammonizione il centrocampista Capellupo e l’attaccante Bardelloni.

Due calciatori salteranno il prossimo impegno del “Bonolis”

In relazione alla partita di campionato Ancona – Teramo, il Giudice sportivo di Lega Pro ha sanzionato con un’ammenda di € 2.000,00 la società dorica «perchè propri sostenitori, durante la gara, lanciavano sul terreno di gioco numerosi fumogeni, bottigliette piene d’acqua e vari seggiolini, per la cui rimozione il direttore di gara ha sospeso la partita per circa tre minuti».
In casa Teramo, invece, quarta ammonizione stagionale per il centrocampista Amadio che entra, pertanto, in diffida.
In vista di Teramo – Reggiana, invece, salteranno la gara del “Bonolis” il centrocampista granata Riverola e l’attaccante Carlini, appiedati per un turno dal Giudice sportivo.

Pesante sanzione per il club dal Giudice sportivo

In relazione alla gara di campionato Teramo – Sambenedettese, il Giudice sportivo di Lega Pro ha sanzionato la società biancorossa con l’ammenda più elevata di giornata (€ 3.000,00) «perché propri sostenitori introducevano e accendevano nel proprio settore numerosi fumogeni, alcuni dei quali venivano lanciati sul terreno di gioco costringendo l’arbitro, in entrambe le occasioni, ad una breve sospensione della gara per la loro rimozione; i medesimi facevano esplodere nel proprio settore due petardi, senza conseguenze, e lanciavano sul terreno di gioco una bottiglia piene di acqua, senza conseguenze».
Nella speciale graduatoria relativa alle sanzioni disciplinari, la Teramo Calcio è al quinto posto (€ 15.000).
Sesta ammonizione stagionale per Caidi, terza per Barbuti.
Non vi sono calciatori biancorossi in diffida o squalificati.
Mille euro di multa, invece, alla Sambenedettese «perchè propri sostenitori in campo avverso lanciavano sul terreno di gioco tre bottigliette piene di acqua, senza conseguenze».

In vista, invece, del prossimo turno di campionato ad Ancona, salteranno il match del “Del Conero” l’allenatore Tiziano De Patre, squalificato per una gara effettiva «per comportamento gravemente scorretto verso un tesserato della squadra avversaria al termine della gara» e il centrocampista Agyei.

Nessuna sanzione dal Giudice sportivo

Nessun provvedimento da parte del Giudice sportivo dopo l’ultima gara di campionato tra Teramo e Gubbio.
Sul fronte biancorosso ottavo cartellino giallo per Sales, terzo per Amadio.
Nessun calciatore squalificato, pertanto, e nessuno in diffida.
Anche sulla sponda virgiliana, in vista del prossimo incontro tra Mantova e Teramo, non risultano giocatori appiedati dal Giudice.