Maurizi: «Partita complicata, ma abbiamo bisogno di una prestazione importante»

Queste le dichiarazioni rilasciate dall’allenatore biancorosso Maurizi, nella consueta conferenza stampa pre-gara: «E’ una partita molto complicata, da giocare su un campo ostico e contro una squadra che ha le stesse nostre esigenze di vincere una partita, lottare su ogni pallone e gettare il cuore oltre l’ostacolo. Giocheremo con l’undici che darà più garanzie, tenendo presente che in passato nei turni infrasettimanali non abbiamo mai fatto bene, ma ci teniamo tutti a sfatarlo. All’andata il mio esordio? La situazione era del tutto diversa, dal punto di vista emotivo allora era molto più semplice, tutti ci tenevano a fare bella figura, anche se poi non facemmo una gran partita, ma tatticamente nel tempo ritengo che siamo migliorati, almeno per quelli che sono i miei principi. Noi domani sera dovremo farci trovar pronti, soprattutto dal punto di vista mentale anche se il carico emotivo non è misurabile ed è difficile stabilire se i black-out sono alle spalle. Una cosa è certa: abbiamo bisogno di una prestazione importante, senza se e senza ma, e dobbiamo farla per forza. Armeno? Ha la capacità mentale di disputare due partite consecutive, non so dal punto fisico. La scelta del portiere? Stanotte faremo le valutazioni giuste, ma ho piena fiducia nelle capacità di Gomis, Lewandowski e Pacini».

L’incontro con i marchigiani ad un fischietto lombardo

La partita di campionato Fano – Teramo, in programma domani sera, martedì, alle ore 20:30 allo stadio “Mancini”, sarà diretta dal sig. Alessandro Di Graci della sezione di Como, coadiuvato dagli assistenti Domenico Palermo e Michele Falco di Bari.
Non si registrano precedenti tra il fischietto lombardo e la società biancorossa.

Due sedute prima dell’infrasettimanale di Fano

Riprenderà già dal pomeriggio di domani, domenica, la preparazione dei biancorossi, alla luce del nuovo turno infrasettimanale all’orizzonte, con l’ostica trasferta di Fano allo stadio “Mancini”.
Saranno da verificare nelle prossime ore le condizioni di Zecca, uscito anzitempo dal rettangolo di gioco per un guaio muscolare, e quelle del febbricitante Piacentini.

Questo il programma degli allenamenti:
Domenica 10/02: ore 14:30;
Lunedì 11/02: ore 14:30 (rifinitura);
Martedì 12/02: ore 20:30 (gara di campionato Fano – Teramo).

Pareggio senza reti al “Mancini”: la salvezza passera’ dal “Bonolis”

Penultimo impegno della regular season nel girone B di Serie C.
Allo stadio “Mancini” va in scena un delicato scontro salvezza tra i padroni di casa del Fano e il Teramo.
Granata confermati nel 3-5-2 classico, con il rientro di Lazzari in luogo di Danza e la squalifica di Germinale che favorisce l’innesto di Fioretti; diavoli senza lo squalificato Sandomenico e il portiere Bifulco, schierati con un atteggiamento offensivo da Palladini, che prevede il tridente leggero composto da Bacio Terracino, Panico e Tulli.

Queste le formazioni ufficiali:

FANO (3-5-2): 22 Thiam, 29 Sosa, 30 Magli (77′ Gattari), 28 Fautario; 13 Lanini (77′ Torelli), 16 Eklu (67′ Gasperi), 27 Lazzari (63′ Danza), 8 Schiavini (Vk), 26 Pellegrini; 9 Fioretti (77′ Melandri), 21 Rolfini.
A disp.: 1 Nobile, 2 Fabbri, 3 Soprano, 14 Udoh, 18 Varano, 20 Masetti, 31 Troianiello.
All.: Brevi.

TERAMO CALCIO (3-4-1-2): 22 Calore, 23 Caidi (Vk), 6 Speranza (Cap.), 13 Milillo; 15 Sales, 16 Graziano (74′ Varas), 10 Ilari (84′ De Grazia), 2 Ventola; 11 Tulli (57′ Gondo); 24 Bacio Terracino (84′ Fratangelo), 7 Panico (57′ Amadio).
A disp.: 1 Ricci, 3 Pietrantonio, 17 Castagna, 18 Diallo, 19 Faggioli, 20 Mancini, 25 Cretella, 33 Gondo.
All.: Palladini.

Arbitro: Alessandro Prontera di Bologna.
Assistenti: Graziano di Mantova e Mazzei di Brindisi.

Ammoniti: Graziano (T), Pellegrini (F), Danza (F), Sales (T).
Espulsi: -
Marcatori: -
Spettatori: 2.511 (di cui 701 abbonati e 516 provenienti da Teramo).
Note: recupero: 0′pt, 6′st.

L’elevata posta in palio e il primo caldo della stagione non potevano certamente regalare spettacolo al “Mancini”.
Equilibrio e grinta sono stati gli elementi peculiari di una sfida giocata ad armi pari, ma senza sussulti particolari, con pochissime occasioni da rete, da ambo le parti.
Finisce 0-0, nonostante il caldo supporto di oltre 500 sostenitori al seguito, e così la salvezza diretta passerà dalla sfida del “Bonolis” con la Reggiana e, contestualmente, da risultati positivi provenienti dagli altri campi.

Palladini: «Le parole non servono, bisogna solo agire»

Vigilia di conferenza per il responsabile tecnico della prima squadra Ottavio Palladini, nel tradizionale incontro con la stampa: «Non si deve dire più nulla, solo agire ed essere pronti alla battaglia, senza regalare nulla. I ragazzi si sono allenati bene, quasi al completo in queste ultime due settimane. Sappiamo che i nostri avversari in casa hanno sempre sfornato ottime prestazioni, provengono da due successi consecutivi e si sono rinforzati adeguatamente a gennaio. I tifosi alla rifinitura? Da tempo avvertiamo la loro vicinanza, è una responsabilità in più per noi addetti ai lavori e ne va del nostro futuro, ma ora tocca a noi sul campo provare a trascinarli con l’atteggiamento giusto, lottando fino all’ultimo minuto con la grinta di chi non vuole perdere neanche un contrasto, perchè un obiettivo può essere raggiunto o meno per questione di centimetri. Abbiamo provato due diverse soluzioni tattiche, un’idea di massima c’è, ma qualche dubbio permane perchè i ragazzi stanno tutti abbastanza bene. Domani ci giochiamo una buona fetta di salvezza: per questo l’atteggiamento di chi scenderà in campo sarà più importante di qualsiasi modulo tattico, come l’equilibrio tra i reparti.
Il nostro peggior difetto è quello di non tenere la concentrazione per novanta minuti, forse a causa di scorie e timori che ti porti dietro da un po’. Domani dovremo avere sicuramente pazienza e attenzione per tutto l’arco dell’incontro. Il primo caldo di stagione? Si farà sentire per entrambe le squadre. La mia vigilia più sentita in carriera? E’ certamente importante, pur mancando un’altra gara, ma dobbiamo affrontarla con la consapevolezza di avere il destino nelle nostre mani».

Un calciatore saltera’ il match del “Mancini”

Avendo osservato il turno di riposo, non si segnalano provvedimenti del Giudice sportivo in casa Teramo.
Rimangono sei i calciatori attualmente diffidati (Bacio Terracino, Caidi, Ilari, Milillo, Varas e Ventola), ma per domenica rientrerà regolarmente Capitan Speranza.
In casa Fano, invece, è stato squalificato per una gara effettiva per recidività in ammonizioni (decima infrazione), l’attaccante Germinale.

Il programma settimanale

Dopo la domenica di riposo, i biancorossi inizieranno a preparare la delicata sfida di Fano, sin dalla giornata di domani, lunedì, allo stadio “Bonolis”.
Sono previste tutte sedute singole pomeridiane, ad eccezione della rifinitura mattutina di sabato.
Sei i calciatori in diffida (Bacio Terracino, Caidi, Ilari, Milillo, Varas e Ventola), nessuno squalificato in vista del prossimo match del “Mancini”.

Questo il programma settimanale:
Lunedì: ore 15;
Martedì: ore 15;
Mercoledì: ore 15;

Giovedì: ore 15 (test in famiglia);
Venerdì: ore 15;
Sabato: ore 10:30 (rifinitura pre-gara);
Domenica: ore 14:30 (gara di campionato Fano – Teramo).

La vigilia di Zauli: «A Fano sara’ una battaglia, ho piena fiducia nei miei ragazzi»

Vigilia di campionato, seppur di domenica, per i biancorossi, domani impegnati al “Mancini” di Fano, per un importante scontro salvezza.
Questo il pensiero del tecnico Lamberto Zauli: «La gara è molto importante, uno scontro diretto fondamentale, perchè vincere a Fano significherebbe proseguire un percorso di crescita in considerazione della qualità di gioco espressa. I ragazzi meritano di essere gratificati e sono sicuro che lotteranno fono alla fine. E’ chiaro che il mio futuro dipende dai risultati, non c’è nulla di nuovo. A Fano sarà una battaglia e voglio preparare la sfida principalmente sotto l’aspetto mentale e dell’aggressività.  Sansovini? E’ tornato ad essere un vero leader, ha dimostrato grande serietà e professionalità, i suoi colpi non devo ricordarli io, può essere il valore aggiunto. Tempesti? Mi è piaciuto molto in Coppa, ha qualità di lotta, tecnica e buon tiro, oltre a mostrare umiltà nella quotidianità e attaccare discretamente la profondità, caratteristiche utili da accoppiarsi a Sansovini o Barbuti. Il Fano? Ci vivo e, nonostante l’ultimo posto in classifica, c’è entusiasmo: hanno cambiato tanto davanti, acquistando attaccanti di categoria, aspettano questa partita per ricongiungersi al treno salvezza e la società ha mandato un input ben preciso. Quello che faranno loro dipenderà tanto anche dalla nostra prestazione. Dovremo essere più cinici negli ultimi venti metri, sfruttando al meglio determinate situazioni di gioco: ho piena fiducia in questi ragazzi e sono convinto che faremo una grande partita».

Posticipata a lunedi’ 13 febbraio la trasferta di Fano

La gara di campionato Fano – Teramo, inizialmente programmata per domenica 12 febbraio, vista la richiesta avanzata dalle autorità competenti in relazione a motivi di ordine e sicurezza pubblica per la concomitanza rispetto ad un altro evento nella città di Fano, è stata posticipata a lunedì 13 febbraio, allo stadio “Raffaele Mancini” con inizio fissato per le ore 18:30.