Tutto in un minuto al “Bonolis”: conservata l’imbattibilita’ interna

Dopo il pari senza reti dell’ultimo turno dello scorso campionato, biancorossi e rossoverdi tornano ad affrontarsi al “Bonolis” per la quindicesima giornata di campionato.
Cinque gli assenti tra i diavoli (Cancellotti, Cappa, Di Matteo, Lewandowski, Soprano), due tra gli ospiti (Bergamelli, Repossi).

FORMAZIONI UFFICIALI
TERAMO 
(4-3-2-1): 1 Tomei (VK), 2 Florio, 4 Cristini, 26 Piacentini, 3 Tentardini; 7 Costa Ferreira (70′ Santoro), 8 Arrigoni (K), 20 Ilari (85′ Lasik); 19 Bombagi, 10 Martignago (70′ Mungo); 9 Magnaghi (85′ Cianci).
A disp.: 12 Valentini, 6 Gega, 14 Minelli, 18 Iotti, 25 Birligea, 28 Viero.
All.: Tedino.

TERNANA (4-3-1-2): 22 Tozzo, 11 Parodi, 15 Suagher, 2 Celli, 3 Mammarella (K); 20 Paghera (80′ Salzano), 8 Proietti, 5 Palumbo (93′ Damian); 33 Partipilo (70′ Furlan); 9 Ferrante, 18 Marilungo (80′ Torromino).
A disp.: 12 Marcone, 24 Iannarilli, 6 Diakite, 10 Vantaggiato, 14 Russo, 23 Sini, 25 Defendi, 26 Nesta.
All.: Gallo.

Arbitro: Cristian Cudini di Fermo.
Assistenti: Zampese di Bassano del Grappa (VI) e Moro di Schio (VI).

Marcatori: 59′ Partipilo (Tr), 60′ Costa Ferreira (Te).
Ammoniti: Tentardini (Te).
Espulsi: -
Spettatori: 3.527 (di cui 1.064 abbonati e 710 ospiti).
Recupero: 0′pt, 5′st.

Le due squadre fanno il loro ingresso in campo indossando le maglie che promuovono la campagna di comunicazione sociale contro la violenza sulle donne #uominicheamanoledonne – non uccidono, non violentano, non maltrattano.

8′: prima chance di marca biancorossa. Bombagi premia l’inserimento di Tentardini, cross per Magnaghi che stoppa e, dentro l’area, chiude alto.

20′: Cristini in area serve di tacco Ilari, sinistro che lambisce il palo lontano.

21′: risponde Marilungo con una conclusione che sfiora l’incrocio, azione probabilmente viziata da un fallo a metà campo.

24′: Parodi respinge da terra la conclusione a botta sicura di Bombagi.

Splendida la cornice di pubblico al “Bonolis”.

42′: tiro da fuori area di Bombagi, sporcato da Magnaghi, palla alta di poco.

INTERVALLO: perfetto equilibrio al “Bonolis” tra due squadre votate al gioco. Biancorossi pericolosi con Magnaghi e il diagonale di Ilari, ospiti con un tiro di Marilungo. 

Si riparte con i medesimi ventidue in campo.

50′: ripartenza biancorossa con Bombagi che serve dall’altro lato del campo Martignago, tiro smanacciato da Tozzo, libera la retroguardia umbra.

57′: tiro largo di Proietti.

58′: Diavolo ancora pericolosissimo. Bombagi si gira in un fazzoletto in piena area, chiusura deviata in angolo e che sfiora il palo. Sul prosieguo, rete annullata ai biancorossi per carica sul portiere rossoverde.

GOL TERNANA. 59′: rete annullata ai biancorossi, gol sull’azione successiva degli umbri. Da un batti e ribatti in area, sbuca Partipilo che trafigge Tomei.

GOL TERAMO! 60′: pareggio immediato del Diavolo. Magnaghi lavora un altro pallone con intelligenza, libera lo spazio per la sventola all’angolino di Costa Ferreira. 1-1

66′: S’infiamma la sfida. Ammonito Tentardini, primo del match.

Pronto Mungo.

70′: Mungo per Costa Ferreira e Santoro per Martignago. Partipilo lascia il campo a Furlan. Tre cambi per le due squadre.

Uscito in barella Costa Ferreira tra gli applausi del pubblico.

80′: doppio cambio ospite. Salzano e Torromino per Marilungo e Paghera.

85′: Cianci e Lasik per Magnaghi e Ilari.

89′: tiro di controbalzo di Mungo, para a terra Tozzo.

Cinque minuti di recupero.

93′: Damian per Palumbo.

FINALE: Tutto in un minuto al “Bonolis”. Costa Ferreira (poi uscito per infortunio) ribatte a Partipilo. Il Diavolo prevale per numero di occasioni da rete create, ma la vittoria non arriva. Domenica si va al “San Nicola” di Bari. 

https://youtu.be/f-QW6R6we44

Il Diavolo crea e spreca, la Ternana regge (0-0): applausi per tutti!

Tanti indisponibili per l’ultima stagionale al “Bonolis”.
Maurizi deve rinunciare ai vari Barbuti, Celli, Gomis, Mantini, Persia, Speranza e, causa squalifica, Spighi, ma con Armeno, Piacentini e Spinozzi seduti in panchina e non al meglio della condizione. Trova spazio Cappa dietro alla coppia d’attacco formata da Infantino e Sparacello, così come Altobelli, nel ruolo di terzino destro.
Ternana praticamente al completo, ad eccezione del centrocampista Altobelli e del difensore Hristov, con il consueto 4-3-3 proposto dal tecnico Gallo.

TERAMO CALCIO (4-3-1-2): 1 Pacini, 21 Altobelli, 23 Caidi (50′ Piacentini), 25 Polak, 2 Fiordaliso; 27 Ventola, 8 Proietti, 10 De Grazia (VK); 17 Cappa (56′ Zecca); 32 Sparacello, 7 Infantino.
A disp.: 22 Lewandowski, 31 D’Aniello, 3 Celentano, 4 Spinozzi, 11 Armeno, 13 Pezone, 15 Bregasi, 28 Ragozzo.
All.: Maurizi.

TERNANA (4-3-3): 1 Iannarilli, 13 Fazio (K), 20 Russo (VK), 27 Bergamelli, 15 Giraudo (60′ Defendi); 31 Paghera, 32 Palumbo, 8 Pobega; 7 Furlan (60′ Bifulco), 21 Nicastro (80′ Vantaggiato), 19 Marilungo (80′ Boateng).
A disp.: 12 Vitali, 22 Gagno, 3 Diakité, 4 Callegari, 6 Castiglia, 11 Frediani, 14 Rivas, 17 Mazzarani.
All.: Gallo.

Arbitro: Lorenzin di Castelfranco Veneto (TV).
Assistenti: Segat di Pordenone e Miniutti di Maniago (PN).

Reti: -
Ammoniti: Marilungo (Tern), Proietti (Tera), Pobega (Tern), Palumbo (Tern), Fazio (Tern), Defendi (Tern),
Espulsi: -
Note: Spettatori 1.386 (di cui 89 nel Settore Ospiti). Recupero: 2′pt, 4′st.

Un fastidioso vento spira sul “Bonolis”.

11′: sugli sviluppi di calcio d’angolo, la palla giunge nel cuore dell’area dove Fiordaliso impatta male con la sfera da ottima posizione, spedendo alto.

15′: conclusione dai venticinque metri di Infantino fuori dallo specchio.

Poche emozioni dopo la prima mezzora di gioco. Sono sul medesimo risultato anche Albinoleffe e Vicenza.

38′: gran palla dalla fascia destra prodotta da Sparacello dopo un’azione insistita dei biancorossi, Infantino brucia il diretto marcatore e impegna severamente Iannarilli da pochi passi.

40′: parapiglia in campo dopo un colpo ricevuto da Ventola per mano di Pobega. L’arbitro ammonisce Marilungo e Proietti, oltre a Pobega.

45′: ammonito anche Palumbo per gioco falloso.

Due minuti di recupero.

INTERVALLO: prima frazione di gioco influenzata dal forte vento. Due occasioni, entrambe biancorosse, con Fiordaliso da calcio d’angolo e con Infantino, sul quale Iannarilli è stato provvidenziale. Senza gol anche il match tra Albinoleffe e Vicenza.

Si riprende con i medesimi ventidue in campo, seppur con undici minuti di ritardo per rispettare la contemporaneità con le altre sfide in programma.

48′: primo squillo ospite con un tiro ravvicinato di Paghera che sfiora la porta.

Caidi non ce la fa per un problema muscolare. Chiede il cambio.

50′: fa il suo ritorno in campo Piacentini al posto di Caidi che chiude qui la sua stagione da Capitano. La fascia passa sulle spalle di De Grazia.

56′: Zecca per Cappa.

Subito una sgroppata del neo-entrato con cross in mezzo intercettato da un difensore umbro.

60′: doppio cambio ospite. Bifulco e Defendi per Furlan e Giraudo.

62′: ammonito Fazio per gioco falloso, anche se l’autore su Zecca pareva Palumbo, già ammonito.

63′: spunto di Sparacello da fondo campo, traversone teso e forte in mezzo, un difensore ternano libera sulla linea di porta.

65′: si divora il vantaggio il Diavolo. De Grazia s’invola sulla fascia sinistra, cross con i giri giusti per Infantino che da pochi passi non riesce a trovare l’impatto secco con la sfera che termina di poco alta.

68′: ammonito Defendi per proteste.

69′: colpo di testa di Fiordaliso ben indirizzato, ma Iannarilli è ancora decisivo sulla respinta. I biancorossi meriterebbero ampiamente il vantaggio.

78′: molto dubbia la posizione di offside di Zecca che si era involato verso il portiere umbro.

80′: Vantaggiato e Boateng in campo in luogo di Marilungo e Nicastro.

83′: conclusione alta di Zecca, che si era liberato bene all’altezza dell’area grande di rigore.

Quattro minuti di recupero.

94′: serpentina strepitosa di Infantino che parte dalla trequarti, sfonda centralmente, ma davanti a Iannarilli non inquadra lo specchio.

FINALE: nonostante lo 0-1 tra Albinoleffe e Vicenza, i biancorossi ci provano in più occasioni, ma per imprecisione e per bravura del portiere ospite, non trovano la rete del meritato vantaggio e che avrebbe portato almeno fino a mercoledì le speranze playoff del Diavolo. La stagione dei biancorossi si chiude qui, con il tredicesimo posto in classifica e 43 punti in cascina.