Sala stampa. Tedino: «Prestazione determinata, orgoglioso dei miei ragazzi»

Nella sala stampa dello stadio “Razza”, queste le impressioni del tecnico biancorosso Tedino, al termine del buon punto colto con la Vibonese: «In un campo dove hanno lasciato l’intera posta in palio in tanti, contro un avversario organizzato e reduce da sette gol, occorreva una gara determinata, rabbiosa e tattica da parte nostra. Sono orgoglioso dei miei ragazzi e della prestazione offerta, al di là del risultato. Abbiamo avuto alcune occasioni importanti, una colossale con Mungo, ma il portiere è stato bravo. Bisogna essere sinceri, il risultato più giusto è questo. La linea difensiva è stata meravigliosa, elastica e rapida nel salire, gradualmente notiamo progressi. Avevamo timore sulle palle inattive in virtù dei tanti assenti e dei molti centimetri in meno. Faccio i complimenti anche alla tifoseria che con noi è sempre splendida».

Tedino: «A Vibo con predisposizione a sacrificio e corsa»

Prima della partenza per la lunga trasferta di Vibo Valentia, ospiti della Vibonese, queste le dichiarazioni pre-match fornite alla stampa dal tecnico biancorosso Bruno Tedino: «Cianci, Magnaghi, Cristini e Lasik non ci saranno, quattro interpreti che sono il top a livello strutturale. Sono convinto che stiamo facendo un buon lavoro e quindi ci sarà la possibilità di dare spazio ad altri con caratteristiche diverse. La Vibonese viene da risultati importantissimi, propone un calcio in profondità, con calciatori muscolari che attaccano molto bene gli spazi. Dovremo prestare massima attenzione alle loro verticalizzazioni, soffrire con intelligenza, ma mettere anche in campo le nostre qualità che non sono poche, magari con maggiore tranquillità e predisposizione al sacrificio ed alla corsa. Soprano? Sta facendo progressi. Minelli? E’ uno dei papabili a giocare, ma bisogna stare molto attenti perchè non viene da un periodo di elevato minutaggio. La linea difensiva a quattro è l’unica certezza che abbiamo a livello tattico, non la cambieremo. Il campo che ci attende lo conosciamo, è piuttosto sconnesso, quindi cercheremo di fare un calcio il più veloce possibile».

Sala stampa. Tedino: «Giocato con cuore e anima contro una macchina da guerra»

Dalla sala stampa del “Bonolis“, il commento al match da parte del responsabile tecnico biancorosso Tedino: «Risultato troppo severo, sapevamo di trovare di fronte un avversario fortissimo e in fiducia, noi abbiamo fatto una mezzora del primo tempo di spessore, ma la sensazione è che in campo aperto, nel ripartire, loro erano sempre pericolosi. La Reggina è una macchina da guerra, ben allenata, con ottimi palleggiatori e con doti anche fisiche importanti: complimenti a loro, ma anche ai miei ragazzi, perchè hanno sempre provato a giocare, sfiorando il pari in più circostanze nel primo tempo, giocando con cuore e anima, provandoci ad armi pari, perchè non mi piace l’anticalcio e rifarei le stesse scelte. Il gol dello 0-2, probabilmente ci ha tagliato le gambe, lavoreremo ancora di più in settimana. In questo momento bisogna sollevare la testa, parlare poco e riprendere la settimana tipo dopo l’impegno di Coppa. Dobbiamo proseguire su questa strada, nessuno ha detto che avremmo dovuto vincere il campionato in questa stagione».

Tedino: «Reggina sinora superlativa, dovremo giocare da squadra»

Tradizionale conferenza stampa pre-gara per il tecnico Tedino, in vista dell’ostico impegno casalingo con la capolista Reggina, ancora imbattuta in Europa, al pari di Juventus, Ajax e Liverpool.
«Incontriamo una macchina costruita ed allenata in maniera perfetta: giusto fare i complimenti alla Reggina, una squadra che non ha avuto sinora rivali, forte tecnicamente e fisicamente, con un modo di giocare superlativo. E’ un impegno molto duro, giunto in un momento particolare, visto il recente incontro di Coppa Italia, i quarantasei minuti in inferiorità numerica e qualche noia fisica derivata. Non è una scusa, nè tantomeno un alibi, ma quando capita un appuntamento di Coppa, peraltro in trasferta, la settimana lavorativa non è mai la stessa. Dobbiamo fare in modo di giocare al 100% e da squadra, con la consapevolezza che ci saranno momenti della gara in cui dovremo soffrire. Peccato per qualche problematica: Cristini non sta bene, vedremo se domani riusciremo a portarlo con noi, Mungo ha ancora un piccolo indolenzimento, mentre Cianci è uscito dalla Coppa con qualche patema. Soprano? A Siena è stato in difficoltà nella fase finale a livello fisico, d’altronde rientrava dopo quasi quattro mesi di stop forzato. Lasik? E’ out. Qualche dubbio ce l’ho, ma la strada è tracciata: uno tra Mungo, Martignago e Bombagi partirà dalla panchina».

Sala stampa. Tedino: «Pari giusto colto con intelligenza e pazienza»

Nella sala stampa del “San Nicola“, questa l’analisi offerta dal tecnico biancorosso Tedino, al termine del pareggio conquistato nei minuti fnali contro il Bari: «Oggi abbiamo trovato un Bari arrembante nella prima mezzora, che è riuscito ad interpretare meglio la partita su un campo reso difficile dalla pioggia caduta copiosa. Mi preme sottolineare come il Teramo non abbia messo mai la partita nella bagarre, ma con pazienza e intelligenza è riuscito a trovare un pareggio meritato e giusto, per quanto fatto vedere dalle due squadre nell’arco dei novanta minuti. Non siamo stati ficcanti come si dovrebbe, ma bisogna considerare chi affrontavamo, cui non abbiamo peraltro concesso granchè. Siamo sempre in ritardo, visto il gruppo profondamente rinnovato, ma cerchiamo in tutti i modi di abbreviare il nostro percorso, per avere poi risorse migliori sul piano del gioco. E’ stato emozionante regalare una piccola gioia in questo stadio ai tantissimi tifosi teramani venuti qui».

La vigilia di Tedino: «E’ motivo d’orgoglio misurarci con questi avversari»

Il responsabile tecnico della prima squadra biancorossa Tedino, si è così espresso nella consueta conferenza stampa che anticipa la trasferta del “San Nicola” contro il Bari: «Per me è un luogo di dolci ricordi, avendolo violato nel dicembre del 2017 ai tempi del Palermo, consolidando l’allora primato in Serie B, sicuramente una delle soddisfazioni più grandi per me in carriera. Per noi sarà una partita difficile, all’interno di una settimana densa di appuntamenti impegnativi, con le trasferte di Bari e, Siena in Coppa, prima di ospitare la capolista Reggina. Per noi dovrà essere un motivo d’orgoglio andare a misurarci con avversari di questo calibro. In questa fase, però, il Bari è un autentico schiacciasassi (dieci risultati utili consecutivi, ndr), ma dovremo lo stesso provare ad essere coraggiosi e propositivi, lavorando bene in entrambe le fasi. L’obiettivo è la ricerca della continuità sia sotto il profilo del gioco che del risultato».

Sala stampa. Tedino: «Bellissima partita in una cornice magnifica»

Questa l’analisi offerta da mister Tedino in sala stampa, al termine del pareggio ottenuto con la Ternana: «E’ stata una bellissima partita, giocata da due squadre che volevano vincere fino alla fine. E’ stata anche molto vibrante, merito di un pubblico bellissimo, con i nostri tifosi che ci hanno sostenuto per tutto l’arco della sfida. Episodi dubbi? Li ho rivisti entrambi: sembra che il contatto pro-Ternana e che sia regolare il gol di Ilari. Il mio gruppo merita tanto per come si allena durante la settimana: stiamo cercando di bruciare i tempi, ma il contenuto per vincere, in questo momento, non ce l’abbiamo. Il percorso dev’essere verticale e andiamo alla ricerca della continuità. Queste sono le partite più difficili, perchè incontri avversari che hanno qualità e che sanno come castigarti: il nostro campo alimenta chi vuol fare la partita. Credo sia giusto avere da parte nostra la volontà di crescere sempre, di partita in partita e capire che se vogliamo farlo davvero, non possiamo permetterci gare sottotono. Costa Ferreira? E’ l’unica nota stonata di giornata, ha picchiato la schiena dopo un contrasto durissimo, siamo preoccupati, adesso è in ospedale per accertamenti».

Tedino: «Ternana test probante, sara’ partita aperta»

Nella consueta conferenza stampa della vigilia, questo il pensiero espresso dal tecnico Tedino in vista del confronto casalingo con la Ternana di domani, domenica (ore 16, stadio “Bonolis”): «Conosco bene mister Gallo per averlo avuto a Treviso nella parte finale della sua ottima carriera da calciatore, intelligente e bravo tecnicamente. Ha semplicemente trasportato le sue qualità dal campo alla panchina, facendo vedere cose pregevoli anche a La Spezia. Il cammino della Ternana è straordinario, ma ancora non le basta perchè la Reggina sta facendo cose fuori dal comune. Per questo il test di domani, per noi, è probante perchè ci misuriamo contro una realtà di spessore e vogliamo capire se possiamo essere all’altezza delle big, giocando con pazienza e intelligenza. In settimana non abbiamo sbagliato un allenamento, ma c’è un po’ di stanchezza fisica e mentale dovuta al grande tour de force cui siamo stati sottoposti. Qualche acciacco ce lo portiamo dietro, ma in linea di massima stiamo tutti abbastanza bene. Tentardini? Stringerà i denti, anche se abbiamo qualche soluzione alternativa. Lasik? Da tre settimane sta lavorando senza intoppi, mi piace molto come vertice basso perchè, a differenza di Arrigoni e Viero, è un calciatore strutturato e nello “sporco” può dare una grande mano. Iotti? Sta crescendo molto. Mi aspetto una partita aperta perchè i due allenatori la vedono così. Ho ancora un paio di dubbi sull’undici iniziale ed è giusto tenermeli fino alla fine. Sono contento del gruppo che ho a disposizione. Pubblico? Ne abbiamo bisogno come il pane ed abbiamo il dovere di rendere felici le persone che ci circondano».