Ripartenza d’autore, pari e rimpianti contro la seconda della classe

squadra

Nuova trasferta da quasi 600 km per il Diavolo, opposto questo pomeriggio alla vice-capolista Renate al “Città di Meda”, retroguardia meno battuta (solo 7 reti subite in 12 incontri), che ha totalizzato tre vittorie, due pareggi ed una sconfitta tra le mura amiche, mentre i ragazzi di Asta, in versione esterna, hanno sinora ottenuto cinque pareggi e due sconfitte, con il blitz esterno che manca dal 7 maggio scorso (Feralpisalò – Teramo 0-1).
Inizialmente in panchina il bomber lombardo Gomez, mentre Asta deve rinunciare a Fratangelo e torna al 3-5-2.

Queste le formazioni ufficiali:

RENATE (4-3-3): Di Gregorio, Anghileri (K), Di Gennaro, Savi (67′ Mattioli), Vannucci; Simonetti, Pavan, Palma; Finocchio, Musto (67′ Sofia), Lunetta (55′ Gomez).
A disp.: Turati, Cincilla, Makinen, Confalonieri, De Micheli, Fietta.
All.: Cevoli.

TERAMO CALCIO (3-5-2): Calore, Caidi (VK), Speranza (K), Sales; Ventola (79′ Pietrantonio), De Grazia, Amadio (37′ Graziano), Ilari, Varas; Foggia (68′ Barbuti), Tulli (79′ Bacio Terracino).
A disp.: Lewandowski, Altobelli, Paolucci, Milillo, Soumarè, Mancini.
All.: Asta.

Arbitro: Marco D’Ascanio di Ancona.
Assistenti: Cavallina di Parma e Buonocore di Marsala.

Ammoniti: Savi (R), Ilari (T).
Marcatori: -
Spettatori: 400 circa (una quarantina provenienti da Teramo).
Note: pomeriggio di sole al “Città di Meda”, recupero: 1′pt, 4′st.

Primo tempo positivo del Diavolo, che crea due chiare occasioni da rete grazie a Foggia e successivamente con un fendente di Tulli che sfiora il palo, concedendo poco o nulla alla seconda forza del campionato. Amadio costretto a lasciare il campo per l’ex di turno Graziano. Inizio ripresa appannaggio dei lombardi, con Calore provvidenziale in due circostanze con altrettante parate ravvicinate, prima su Finocchio, poi su Lunetta. A metà ripresa è il colpo di testa di Graziano, però, a chiamare al miracolo il portiere ospite Di Gregorio, prima della risposta capolavoro di Calore su Simonetti, a garanzia dello 0-0 finale. Ora la parentesi di Coppa a Viterbo, prima della sfida con la Samb di lunedì sera al “Bonolis”.