“Focus Giovani”: alla scoperta di Alessandro Tini

14TINI ALESSANDRO

E’ uno dei prospetti messisi in luce nella corrente stagione sportiva, con prestazioni positive avvalorate anche dalla convocazione nella rappresentativa Azzurra di categoria e dalla presenza in pianta stabile nella prima squadra biancorossa.
Alessandro Tini, centrocampista classe 1997, si racconta tra passato, presente e futuro prossimo.

Dove ti sei formato?
Ho iniziato con il Pineto Calcio, ma da quasi cinque anni faccio parte del Settore Giovanile della Teramo Calcio che reputo, a tutti gli effetti, una famiglia.
Se dovessi citare una persona in particolare che ti ha fatto crescere?
Posso fare due nomi, su tutti: i mister Bernardo Olivieri e Rinaldo Cifaldi, due punti di riferimento assoluti.
Puoi illustrarci le tue caratteristiche tecnico-tattiche?
Sono una mezzala o mediano prevalentemente orientato all’impostazione (9 reti siglate sinora con la “Berretti”, ndr). Devo crescere tantissimo: in primis curando maggiormente la fase difensiva e poi sotto l’aspetto agonistico e fisico.
La convocazione in Azzurro quali ricordi ti ha lasciato?
Decisamente positivi: è stata un’esperienza del tutto nuova, andando a conoscere il top della categoria. Ho notato un livello alto, l’ideale per aiutarti a crescere e instaurare qualche nuova amicizia.
A Siena sei stato ad un passo dal fare il tuo esordio nel campionato di Lega Pro…
E’ mancato davvero poco: il mister mi ha detto di riscaldarmi per entrare in campo: ero emozionatissimo! Poi Cruciani ha siglato il 3-2 e per il forcing finale è stata cambiata, giustamente, strategia. In vista del finale di stagione sarebbe fantastico poter giocare qualche spezzone di partita…
Sport e scuola, è possibile conciliarle al meglio?
Frequento il “Liceo Scientifico” al “Delfico” a Teramo ed i risultati sono positivi. Certo, allenandomi quotidianamente, capita di fare qualche giorno di assenza, ma l’impegno personale è massimo perchè l’utilità scolastica è indiscutibile anche per una propria formazione culturale. I sacrifici sono tanti, come le rinunce, ma volere è potere…