Il programma settimanale

In vista del recupero di campionato pianificato contro il Pordenone per mercoledì (ore 14:30) allo stadio “Bonolis”, la squadra tornerà ad allenarsi sin dal pomeriggio di domani, lunedì, presso l’impianto di Piano d’Accio.
Sicuro assente in vista della sfida infrasettimanale, il difensore Sales, che verrà squalificato dal Giudice sportivo.

Questo il programma settimanale:
Lunedì: ore 15;
Martedì:
ore 11;
Mercoledì
: ore 14:30 (gara di campionato Teramo – Pordenone);
Giovedì: ore 15;
Venerdì: ore 15;
Sabato: ore 10;
Domenica: ore 14:30 (gara di campionato Padova – Teramo).

Sala stampa. Ugolotti: «Questa squadra non mollera’, statene certi»

Questo il pensiero del tecnico Ugolotti nella sala stampa del “Bonolis” dopo il pari casalingo maturato con il Sudtirol: «Non dobbiamo fasciarci la testa, dobbiamo guardare le poche cose positive. Nei primi quindici minuti abbiamo messo in atto quanto provato in allenamento, giocando la palla tra le linee, l’episodio di Petrella avrebbe potuto cambiare l’aspetto mentale, perchè questi ragazzi hanno bisogno anche di una situazione favorevole, però bisogno anche andarsela a cercare. Poi ci siamo allungati, abbiamo giocato con la paura, non riuscivamo a portare pressione sul portatore di palla, loro erano ben strutturati ed hanno dimostrato di avere una buona condizione ed un buon giro palla, arrivando sempre prima di noi. Il lato negativo è che non possiamo giocare sui lanci lunghi, sarebbe come scaricare le responsabilità. Questione fisica? Non lo so, dobbiamo palleggiare di più, perchè durante la settimana avevo visto cose diverse e migliori, e pretendo che le facciano. Se qualcuno ha paura di giocare è meglio che stia fuori. Non abbiamo il passo per arrivare sulle seconde palle, se andiamo a vedere i primi undici schierati oggi, il minutaggio sinora è stato elevato e quindi è lecito attendersi di più. A fine primo tempo ai ragazzi ho detto che se non riuscivamo ad essere aggressivi davanti, dovevamo stare compatti ed attendere l’occasione giusta. Oggi un punto sembra nulla, invece a fine campionato potrebbe essere utile. Questo è un momento di oggettiva difficoltà, non guardo i proclami di inizio anno, io sono venuto in una squadra che aveva ottenuto venti punti in classifica in ventiquattro partite. C’è da lavorare e stare tranquilli: mancano corsa, entusiasmo, grinta, però paradossalmente abbiamo avuto gli ultimi dieci minuti in cui sembrava avessimo preso il sopravvento. Il sorriso manca sul volto di tutti i ragazzi, oggi la realtà è questa, però questa è una squadra che, partita dopo partita, non mollerà, statene certi. Oggi abbiamo incontrato una squadra che mentalmente e fisicamente stava meglio di noi. Ho visto poche cose positive e tante negative. Se non siamo brillanti, dobbiamo cercare anche l’episodio giusto provando a soffrire poco. Tornare in campo mercoledì? Un’assurdità: il Pordenone ha un giorno in più per recuperare. Il Teramo, poi, aveva giocato a Fano di lunedì, il Sudtirol di sabato, quindi abbiamo regalato due giorni in più. Bisognerebbe tenerne conto, specie in questo momento della stagione e con i problemi che abbiamo, ma non ci fasciamo la testa. Cercheremo in questi due giorni di riordinare le idee, cambiando qualcosa perchè ho una rosa all’altezza e speriamo che si facciano trovare pronti. Oggi mi sarei aspettato qualcosa in più da tutti, compreso me stesso. Dobbiamo trovare gli equilibri giusti».

Pareggio senza reti con il Sudtirol

Per la settima giornata di ritorno, sfida tutta biancorossa al “Bonolis“, con i diavoli del neo tecnico Ugolotti che ricevono la visita del Sudtirol.
Diavoli senza l’indisponibile Branduani e con i diffidati Caidi e Sales; sulla sponda opposta altoatesini privi del portiere Fortunato e del difensore Baldan.
Diavolo a caccia di quel successo casalingo che manca da tre mesi esatti (Teramo – Ancona 3-2).

TERAMO CALCIO (4-2-3-1): 30 Narciso, 3 Imparato, 14 Camilleri (71′ Caidi), 6 Speranza (Cap.), 28 Sales; 18 Amadio, 16 Ilari; 11 Petrella (76′ Barbuti), 20 Carraro (56′ Baccolo), 7 Di Paolantonio; 10 Sansovini (VK).
A disp.: 22 Calore, 5 Altobelli, 15 Karkalis, 17 Masocco, 19 Scipioni, 21 Fratangelo, 24 Mantini, 27 Tempesti.
All.: Ugolotti.

FC SÜDTIROL (4-3-1-2): 22 Marcone, 21 Tait, 15 Di Nunzio, 6 Bassoli (VK), 16 Sarzi; 8 Furlan (Cap.), 4 Obodo, 7 Cia; 11 Tulli (87′ Rantier); 9 Gliozzi, 14 Spagnoli (76′ Lupoli).
A disp.: 33 Montaperto, 2 Riccardi, 10 Fink, 17 Lomolino, 18 Torregrossa, 29 Broh, 30 Bertoni.
All.: Viali

Arbitro: Andrea Tursi di Valdarno.
Assistenti: Gianluca Sartori di Padova e Alberto Zampese di Bassano del Grappa.

Ammoniti: Tait (S), Sales (T).
Reti: -
Note: (recupero 1′pt; 3′st).
Spettatori: 1.274 (di cui 514 abbonati, nessuno nel settore “Ospiti”).

Primo tempo avaro di emozioni: Petrella scalda le mani di Marcone con un bel mancino dal limite dell’area, rispondono gli ospiti con un paio di conclusioni insidiose di Obodo e Cia proprio sul finire del primo tempo. Anche nella ripresa pochissime le occasioni da rete, lo 0-0 finale rispecchia fedelmente l’andamento dell’incontro. Per i biancorossi arriva il quarto pareggio casalingo consecutivo (dopo due mesi e mezzo senza subire reti). Sales, diffidato e ammonito oggi, salterà la prossima partita. Mercoledì (ore 14:30), sempre al “Bonolis”, recupero di campionato contro il Pordenone.

Ventiquattro i convocati per la sfida del “Bonolis”

Al termine della rifinitura mattutina svolta dai biancorossi al “Bonolis“, l’allenatore Guido Ugolotti ha convocato 24 calciatori per il confronto casalingo di campionato con il Sudtirol, in programma domani, domenica 19 febbraio (ore 14:30).
Rimane tra gli indisponibili il portiere Branduani, mentre l’ecografia cui è stato sottoposto il centrocampista Mirco Spighi, ha escluso qualsiasi tipo di lesione muscolare.

I CONVOCATI:
PORTIERI: 22 Calore, 30 Narciso.
DIFENSORI: 5 Altobelli, 23 Caidi, 14 Camilleri, 3 Imparato, 15 Karkalis, 28 Sales, 19 Scipioni, 6 Speranza.
CENTROCAMPISTI: 18 Amadio, 26 Baccolo, 20 Carraro, 25 Cesarini, 7 Di Paolantonio, 16 Ilari, 24 Mantini, 17 Masocco, 4 Spighi.
ATTACCANTI: 9 Barbuti, 21 Fratangelo, 11 Petrella, 10 Sansovini, 27 Tempesti.

Due innesti nel rinnovato staff tecnico

La S.s. Teramo Calcio rende noto l’effettivo ingresso di due figure nello staff tecnico a disposizione del tecnico Guido Ugolotti.
Il nuovo allenatore in seconda è Manolo Liberati, classe 1974, originario di Tivoli (RM), l’anno scorso alla guida del Monterotondo, mentre Massimiliano Lattanzi, classe 1972, nativo di Roma, già preparatore atletico della Berretti biancorossa, viene promosso ufficialmente in prima squadra.

L’esordio di mister Ugolotti: «C’e’ bisogno di tutti, dovremo andare oltre le nostre possibilita’»

Queste le dichiarazioni rilasciate dal neo allenatore biancorosso Guido Ugolotti, alla vigilia dell’importante incontro casalingo con il Sudtirol: «Quattro giorni sono sufficienti per instaurare un rapporto con i ragazzi, proveremo a fare qualcosa di diverso, questo è certo. Il fatto di aver giocato di lunedì ha comportato piccoli fastidi muscolari per qualche giocatore fino a mercoledì. Ho trovato una squadra che sa perfettamente come il momento attuale sia delicato, ma questo è il momento nel quale ognuno di noi dovrà andare oltre e cercare anche un pizzico di fortuna. Ho visto, comunque, negli allenamenti grande impegno, dedizione e attenzione. Non ho la bacchetta magica e siamo consapevoli che il team, in questa fase, possa avere dei limiti. Per questo ho chiesto la massima collaborazione. Io voglio una squadra che cerchi sempre di giocare. Di fronte troveremo un avversario pericoloso e lo stiamo studiando con grande attenzione. Il fatto di aver cambiato tanti calciatori nel mercato di gennaio comporta nel contempo preparazioni differenti e, giocoforza, qualcuno è un po’ in ritardo rispetto al mio modo di pensare. Dobbiamo crescere sotto l’aspetto agonistico. Petrella? Io voglio rivalutare tutti, c’è bisogno di tutti, in una settimana giocheremo tre gare determinanti. Tutti potrebbero giocare, le difficoltà, dunque, per un allenatore aumentano. Spighi? È una questione particolare: gli esami hanno escluso lesioni, si deve abituare a convivere con il dolore. È un giocatore importante, uno dei centrocampisti dotati di un passo diverso e che l’anno scorso ha vinto un campionato. Il mercato degli svincolati? Ha poco senso in questo periodo, visto il poco tempo a disposizione da qui al termine della stagione. È più importante valutare ciò che abbiamo e i tanti giovani aggregati, sempre con l’obiettivo di trovare il giusto equilibrio».

Fabrizio Grilli saluta i colori biancorossi

In seguito a quanto accaduto durante l’allenamento pomeridiano di ieri, venerdì, allo stadio “Bonolis”, in accordo con lo staff tecnico, la società ha deciso di risolvere il rapporto di collaborazione che legava il preparatore dei portieri Fabrizio Grilli al sodalizio biancorosso fino al 30 giugno prossimo.
«Ho sbagliato e chiedo scusa – le parole dell’ex Capitano biancorosso – è giusto prendere la decisione di separarci. Mi prendo le mie responsabilità, ringrazio la società per l’opportunità concessami in estate di tornare a Teramo e per aver fatto il possibile per trattenermi, ma evidentemente non è destino ed è meglio lasciare. Auguro con il cuore alla squadra ed alla città di raggiungere il traguardo della permanenza in Lega Pro».
Fabrizio Grilli sarà temporaneamente sostituito da Giuseppe Oliverio, già operante nel Settore Giovanile biancorosso.
Il club intende ringraziare sentitamente Grilli per l’impegno, la passione e la dedizione alla causa profuse in questi mesi e gli augura le migliori fortune professionali e umane, auspicando come questo possa essere solo un arrivederci.