Designata la terna arbitrale per l’incontro di Pesaro

Per la trasferta di Pesaro in casa della Vis, è stato designato come direttore di gara il sig. Nicolò Marini della sezione di Trieste, coadiuvato dagli assistenti Lucia Abruzzese di Foggia e Mauro Dell’Olio di Molfetta.
Un solo precedente con i colori biancorossi:
18/03/18, Serie C: Teramo – Albinoleffe 0-0.

Le decisioni del Giudice sportivo

Nessun provvedimento da parte del Giudice sportivo in relazione al match disputato con il Pordenone.
Prima ammonizione stagionale per il difensore Fiordaliso, mentre Piacentini ha scontato il turno di squalifica e tornerà a disposizione, al contrario di Ventola, che dovrà restare fermo anche per la prossima gara.
Proprio in vista dell’incontro di Pesaro, salterà la sfida tutta biancorossa il difensore vissino Gennari, squalificato per una gara effettiva «per aver commesso fallo su un avversario lanciato a rete senza ostacolo».

Info-ticketing per il saturday night del “Benelli”

In vista della prossima gara di campionato tra Vis Pesaro e Teramo, in programma sabato prossimo, 15 dicembre (ore 20:30), allo stadio “Benelli”, Vis Pesaro 1898 comunica quanto segue.
Ai tifosi teramani verrà riservata la Curva Ospiti (capienza totale 500 posti): gli stessi potranno acquisire il tagliando anche senza sottoscrizione di tessera di fidelizzazione, sia sul circuito on-line Vivaticket, che presso le seguenti ricevitorie autorizzate, entro le ore 19 di venerdì 14 dicembre:
- “Caffè dell’Olmo“, via Delfico, 56 – Teramo;
- “Disco Boom“, via Fedele De Paulis, 3 – Teramo.

Il botteghino del settore “Ospiti” rimarrà chiuso il giorno della gara.
Di seguito il profilo tariffario:
- “Intero”: € 14,00;
- “Ridotto”: € 10,00 (riservato a donne, over 65, ragazzi con età compresa fra gli 11 e i 14 anni, persone con disabilità compresa tra il 50% ed il 99%).
I ragazzi “Under 10″ entreranno gratuitamente.
Le persone con disabilità al 100% entreranno gratuitamente, dietro esplicita richiesta corredata di attestato di invalidità e dati anagrafici del richiedente e dell’accompagnatore da inviare all’indirizzo emailsegreteria@vispesaro1898.com.

Il timing degli allenamenti

Archiviato il passo falso casalingo con la leader Pordenone, i biancorossi si ritroveranno sin da questo pomeriggio per iniziare a preparare la difficile trasferta di Pesaro, in casa della Vis, attuale terza forza del girone e seconda miglior difesa del campionato.
Tanti i calciatori da valutare, mentre la certezza è rappresentata dal ritorno di Piacentini dalla squalifica e dalla seconda giornata di stop forzato che dovrà osservare Ventola.

Questo il programma degli allenamenti:
Mercoledì 12/12: ore 15;
Giovedì 13/12: ore 15;
Venerdì 14/12: ore 15;
Sabato 15/12: ore 20:30 (gara di campionato Vis Pesaro – Teramo).

Sala stampa. Maurizi: «Vinti pochi duelli individuali»

Nella sala stampa dello stadio “Bonolis”, questa l’analisi della gara da parte del responsabile tecnico Agenore Maurizi: «Sono molto amareggiato per alcuni aspetti, ma la coerenza è determinante: dobbiamo essere consapevoli di quello che siamo, altrimenti è difficile raggiungere gli obiettivi. Poi dobbiamo gettare il cuore oltre l’ostacolo e vincere i duelli individuali, perchè altrimenti le partite non si portano a casa. Non possiamo prendere il primo gol su una palla lenta e se perdiamo coraggio non va bene; dobbiamo trovare la forza di saper reagire, anche in emergenza com’eravamo stasera. Il Pordenone è stato bravo nel metterla sul piano fisico e dell’organizzazione e mi ha fatto un’ottima impressione. Con il cambio di modulo di stasera, l’idea era quella di poter palleggiare di più in mezzo al campo: inizialmente c’eravamo anche riusciti, poi meno. Per essere più pericolosi avremmo dovuto recuperare più palloni in mezzo al campo e attaccare con più velocità; nonostante tutto abbiamo avuto anche qualche occasione per riaprirla, ma non siamo stati abbastanza bravi. Pesaro? Sicuramente recupereremo Piacentini, sugli altri vedrà lo staff medico nei prossimi giorni. Dovremo giocare con molta rabbia per portare a casa il risultato».

Diavolo mai arrendevole, ma la capolista passa (0-2)

Impegno infrasettimanale al “Bonolis”, con il Diavolo che riceve la visita della capolista Pordenone.
Biancorossi incerottati, senza sei pedine, tre per infortunio (Barbuti, Speranza e Spighi), altrettanti per squalifica (Caidi, Piacentini e Ventola).
Ramarri, invece, al gran completo, con il miglior attacco e la leadership del girone.

TERAMO CALCIO (4-3-1-2): 22 Lewandowski, 24 Mantini, 21 Altobelli (K), 2 Fiordaliso, 30 Celli; 18 Persia (71′ Zenuni), 8 Proietti, 10 De Grazia (71′ Cappa); 4 Ranieri (50′ Bacio Terracino); 16 Zecca (58′ Di Renzo), 14 Piccioni.
A disp.: 1 Pacini, 12 Natale, 3 Vitale, 13 Mastrilli, 25 Celentano, 28 Ragozzo.
All.: Maurizi.

PORDENONE (4-3-1-2): 1 Bindi, 11 Semenzato, 6 Barison, 26 Bassoli, 3 De Agostini (K); 21 Misuraca (65′ Damian), 8 Burrai (VK), 5 Bombagi (83′ Cotali); 7 Gavazzi (90′ Stefani); 17 Magnaghi (90′ Ciurria), 27 Candellone (90′ Germinale).
A disp.: 22 Meneghetti, 10 Berrettoni, 18 De Anna, 20 Bertoli, 23 Cotroneo, 25 Florio.
All.: Tesser.

Arbitro: Amabile di Vicenza.
Assistenti: Perrotti e Severino di Campobasso.

Reti: 19′ Gavazzi (P), 37′ Candellone (P).
Ammoniti: Gavazzi (P), Fiordaliso (T).
Espulsi: -
Note: Spettatori 888 (5 ospiti). Recupero: 1′pt, 5′st.

2′: lob di De Grazia dai venti metri, para Bindi.

Biancorossi aggressivi in questi primi dieci minuti, con la novità di Ranieri nel ruolo di trequartista, utile in copertura nella marcatura su Burrai.

11′: calcio di rigore molto generoso assegnato agli ospiti. Dagli undici metri Lewandowski ipnotizza Burrai e respinge la conclusione del metodista neroverde!

Proteste veementi del pubblico per un metro di gara del direttore di gara Amabile di Vicenza decisamente anti-casalingo in quest’avvio.

15′: conclusione di controbalzo di De Grazia, ma Bindi devia in tuffo.

16′: stecca di De Agostini su Zecca, per l’arbitro nessun cartellino!

16′: Diavolo positivo sinora. Altra botta di Ranieri da fuori area, palla alta di poco sopra la trasversale.

19′: GOL PORDENONE. Si apre la difesa biancorossa sulla torre di Magnaghi, con Gavazzi che chiude in porta in maniera imparabile. 0-1

28′: Lewandowski dice di no a Magnaghi.

29′: ammonito Gavazzi per un nuovo, duro fallo ai danni di Proietti.

30′: tiro di De Grazia da posizione siderale, blocca ancora Bindi.

31′: fendente di Bombagi, palla a lato.

36′: GOL PORDENONE. Lewandowski non trattiene il tiro di Bombagi, con Magnaghi che da due passi non fallisce il facile tap-in. 0-2

Si alza dalla panca Bacio Terracino per avviare gli esercizi di riscaldamento.

Un minuto di recupero.

46′: bell’aggancio in volo di Piccioni, con successiva girata non molto distante dall’incrocio dei pali.

INTERVALLO: due imprecisioni condannano il Diavolo nella prima frazione. Le firme sono di Gavazzi e Candellone, con Lewandowski che ha respinto sullo 0-0 un penalty di Burrai.

Si riprende senza cambi.

50′: dentro Bacio Terracino, fuori Ranieri.

52′: conclusione potente e tesa di Gavazzi, palla a lato di poco.

56′: velenoso tiro-cross di De Grazia con palla che rientra e sfiora il palo lontano.

57′: slalom di De Grazia, con successivo rasoterra bloccato in due tempi da Bindi.

Pronto Di Renzo.

58′: “giallo” per Fiordaliso per gioco falloso.

58′: Di Renzo per Zecca.

59′: siluro di Bombagi, sfera sull’esterno della rete.

65′: Proietti per Piccioni, lob alto di poco.

65′: Damian per Misuraca tra gli ospiti.

71′: Zenuni per Persia e Cappa per De Grazia.

Tenta il tutto per tutto Maurizi, schierando ora i suoi con il 4-2-4 (Di Renzo – Piccioni centravanti, con Cappa a destra e Bacio a sinistra).

75′: rete annullata a Bacio Terracino, servito su sponda aerea da Di Renzo.

81′: sinistro teso di Mantini, Bindi in volo plastico devia.

83′: Cotali per Bombagi.

86′: Diavolo oltre le tante difficoltà, continua ad attaccare. Stavolta è Bacio che converge e spara un destro potente di poco alto.

90′: triplo cambio ospite. Dentro Ciurria, Germinale e Stefani, fuori Candellone, Magnaghi e Gavazzi.

Cinque minuti di recupero.

91′: tiro di Piccioni, blocca a terra Bindi.

FINALE: un Teramo comunque positivo, nonostante le sei, pesanti assenze, cede alla capolista Pordenone, imbattuta da quasi nove mesi in trasferta, che passa grazie alle reti siglate nella prima frazione da Gavazzi e Candellone. Rete annullata a Bacio Terracino, mentre Lewa ha parato il rigore di Burrai nella prima frazione, con una direzione di gara contestata a più riprese dal pubblico del “Bonolis”.

Tre squalificati dopo Vicenza

Queste le decisioni del Giudice sportivo di Serie C, dopo la gara Vicenza – Teramo.
Squalificato per due gare effettive Ventola «perché in panchina dopo la sostituzione, assumeva un comportamento offensivo verso l’arbitro».
Squalificati per un turno per recidività in ammonizioni (quinta infrazione) i difensori Caidi e Piacentini.
Terza ammonizione stagionale per Persia, prima per Pacini

Ventuno convocati per la sfida serale alla prima della classe

Sono ventuno i convocati per il match casalingo infrasettimanale con il Pordenone, in programma domani, martedì 11 dicembre, alle ore 20:30, allo stadio Bonolis”.

La lista completa:
PORTIERI: 22 Lewandowski, 12 Natale, 1 Pacini.
DIFENSORI: 21 Altobelli, 25 Celentano (dalla Berretti), 30 Celli, 2 Fiordaliso, 24 Mantini, 13 Mastrilli, 28 Ragozzo (dalla Berretti), 3 Vitale.
CENTROCAMPISTI: 10 De Grazia, 18 Persia, 8 Proietti, 4 Ranieri, 5 Zenuni.
ATTACCANTI: 11 Bacio Terracino, 17 Cappa, 9 Di Renzo, 14 Piccioni, 16 Zecca.

Non convocati Barbuti (lesione alla caviglia destra), Speranza (tenosinovite alla caviglia sinistra), Spighi (stiramento bicipite femorale), oltre agli squalificati Caidi, Piacentini e Ventola.

Maurizi: «Non fasciamoci la testa, non partiamo battuti»

Queste le dichiarazioni rilasciate dal tecnico biancorosso Maurizi, nella conferenza stampa tenutasi alla vigilia dell’incontro con la capolista Pordenone: «Le prestazioni ci sono sempre state, abbiamo subìto davvero poco da un mese a questa parte, forse a Vicenza abbiamo creato qualcosa in più. Le tante assenze? Chi fa questo mestiere deve trovare delle soluzioni e non lamentarsi di eventuali criticità che possono starci nell’arco di una stagione. Abbiamo però recuperato Vitale, e non è poco, e convocato due ragazzi della Berretti, non fasciamoci la testa e vedremo quel che succederà. Il Pordenone? Non lo devo certamente scoprire io, massimo rispetto, hanno calciatori importanti e sono anni che costruiscono compagini per vincere, ma noi non partiamo battuti mai e questo credo sia ben chiaro anche nella testa dei ragazzi. Il calcio è fatto di infinite variabili che nessuno può controllare. La consapevolezza di quello che sei come squadra fa la differenza dal punto di vista motivazionale e parlo di motivazioni interne e primarie. Tutti noi crediamo in quello che facciamo e questa è la cosa più importante, indipendentemente dai risultati che rimangono l’essenza del calcio».