Asta: «Il Renate non e’ piu’ una favola. Noi dobbiamo leggere meglio certe situazioni»

asta

Tradizionale conferenza stampa mattutina per l’allenatore biancorosso Asta, nell’immediata vigilia dell’impegnativa e lunga trasferta di Meda, per affrontare la vice-capolista Renate: «La differenza di numeri tra noi e loro è impietosa. Il Renate ha perso una sola volta, è la miglior difesa del campionato ed è la seconda della classe, con una grande libertà mentale. Non è più una favola, ma una piacevole realtà. Veniamo da un ko immeritato dopo una buona partita, voglio vedere come reagiranno i miei ragazzi e come l’avranno digerito: la fase di crescita passa anche attraverso questi tipi di sconfitte. Manchiamo ancora nella giusta scelta da effettuare in determinati momenti, nei falli “tattici”, nella lettura di piccoli dettagli, come in occasione dei gol subiti con il Gubbio nell’ultima gara. Il Renate? Dobbiamo essere bravi nel limitarli nel punto forte, le ripartenze, con i due esterni d’attacco particolarmente pericolosi quando si accendono, come del resto il centravanti Gomez.  Noi non abbiamo al momento un goleador come loro, ma siamo una squadra, un gruppo davvero compatto, che si propone anche con centrocampisti e difensori. Ci mancano quei gol “sporchi” che ti permettano anche di vincere una partita senza meritarlo. La scelta degli attaccanti? Li sto ruotando tutti, non importa chi partirà dal primo minuto. Gli acciaccati? Quando arrivi in un certo periodo della stagione, con l’aggiunta di tre partite settimanali, è normale che ci siano, ma sia Speranza che De Grazia saranno regolarmente a disposizione, mentre Fratangelo non partirà».