Assemblea dei club di terza serie a Tivoli

LOGO SERIE C

Si è tenuta l’Assemblea dei club di Lega Pro a Tivoli, sede del raduno della Can Pro.
Presenti all’incontro 55 club, tra i quali la società biancorossa.
La giornata oltre all’Assemblea, infatti, prevedeva l’incontro tra il designatore Giannoccaro e il suo staff con le società del campionato Serie C, per un confronto sulla prima parte della stagione agonistica 2017-2018. Presente anche il Presidente Nicchi.
Nel corso dell’Assemblea sono state illustrate anche le attività, i progetti e le tappe del lavoro di questi mesi della Lega Pro.
«Tracciando un bilancio sul 2017 – ha dichiarato Gabriele Gravina, Presidente Lega Pro – è positivo sul piano di numeri, contenuti e in relazione all’attività di supporto allo sviluppo del movimento. Abbiamo fatto un’analisi generale del sistema calcio e per coerenza ho rimesso il mio mandato ai club. I presidenti hanno dimostrato un attestato di stima e mi hanno invitato a proseguire nel percorso già avviato».
L’assemblea ha riconosciuto il ruolo fondamentale nel progetto di riforma del sistema calcistico riconfermando con piena fiducia il suo mandato.
«Vado avanti con più slancio e valorizzando la progettualità di una Lega compatta – prosegue Gravina – con la consapevolezza che si possa dare un forte contributo per la riforma del calcio italiano».
Nel corso dell’Assemblea, inoltre, sono state approvate le modifiche allo Statuto delle Lega Pro, che consentono di uniformare lo stesso ai principi informatori della FIGC, e sono stati illustrati i criteri del campionato e dei playout dopo l’esclusione del Modena e con l’introduzione di un coefficiente di ponderazione, in conseguenza del minor numero di gare disputate nel Girone B.
Lo stesso documento trasmesso alla FIGC sarà tema di confronto nel prossimo consiglio federale.
Infine, sono stati illustrati i progetti del Comitato etico di Lega Pro, presieduto dal Prefetto Francesco Cirillo e le variazioni al codice etico. Ampio spazio e’ stato dedicato anche al progetto con l’Osservatorio delle Manifestazioni sportive, denominato “3 P”, che vede in un primo esperimento il coinvolgimento di 12 questure e 12 club per premiare la tifoseria virtuosa.
Su intervento del Presidente Gravina, il Comitato Etico sta predisponendo un progetto per la definizione della certificazione etica e di qualità dei club.
«La certificazione vuole essere un riconoscimento alla correttezza, all’etica e ai valori di un determinato percorso che compiono le nostre società – spiega Gabriele Gravina, Presidente Lega Pro – ed è un’ulteriore conferma del valore aggiunto della responsabilità sociale dello sport per la comunità e il territorio».